MTM n°28
MEDICAL TEAM MAGAZINE
Anno 11 - Numero 1 - gen/apr 2012
Cultura - Eventi
 


Olimpia De Caro
Olimpia De Caro

Anno 11 - Numero 1
gen/apr 2012

 

È stata la scena di film di registi come Alessandro Blasetti, Roberto Rossellini, Vittorio De Sica, Luchino Visconti che hanno dato vita al mito di Cinecittà, reso ancora più famoso dall'arte di Federico Fellini




CINECITTÀ SI MOSTRA
Un'occasione unica per scoprire da vicino il cinema e i suoi segreti
Roma, Via Tuscolana 1055 fino al 30 marzo 2012

di Olimpia De Caro

La locandina della mostraIN OCCASIONE DEL SUO 74° COMPLEANNO, a Roma Cinecittà apre per la prima volta le porte al grande pubblico che avrà la possibilità di visitare fino al 30 marzo 2012, all'interno degli storici studi cinematografici di Via Tuscolana, l'esposizione Cinecittà Si Mostra: un'occasione unica per scoprire da vicino il cinema e i suoi segreti. Nell'ambito delle manifestazioni che hanno ricordato il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, Cinecittà si mostra nella sua reale dimensione diventando, per l'intera durata dell'esposizione, il luogo ideale per conoscere e apprezzare i segreti e le magie legate alla realizzazione di un film, consentendo al visitatore di accedere alla Fabbrica dei Sogni direttamente dallo storico ingresso di via Tuscolana 1055 per ritrovarsi calato nel set di un film.
La mostra è allestita all'interno di due palazzine storiche di Cinecittà, quella presidenziale e la Fellini, e si sviluppa nelle aree all'aperto, con una particolare attenzione per gli spazi riservati ai bambini e alle famiglie.
Nell'ambito della mostra verrà infatti ospitata un'area dedicata ai più piccoli, il CineBimbiCittà dove è possibile coinvolgere i bambini in attività ispirate al mondo del cinema.
Dal 1937, anno della sua fondazione, Cinecittà è nell'immaginario collettivo il luogo dove i "sogni diventano realtà". È stata la scena di film di registi come Alessandro Blasetti, Roberto Rossellini, Vittorio De Sica, Luchino Visconti che hanno dato vita al mito di Cinecittà, reso ancora più famoso dall'arte di Federico Fellini.
Ancora oggi è il centro vitale della cinematografia italiana: nei suoi teatri di posa e nelle sue imponenti scenografie esterne continuano ad essere realizzate grandi pellicole italiane e internazionali con la partecipazione di grandi attori e anche spot pubblicitari.
Cinecittà è stata, e ancora è un'azienda che ha saputo valorizzare oltre che il cinema italiano anche i mestieri artigianali, ottenendo riconoscimenti a livello internazionale.
Il visitatore della mostra sarà accolto all'ingresso dalle parole delle sceneggiature di film girati a Cinecittà e durante il percorso queste stesse parole saranno tradotte in immagini che hanno fatto sognare intere generazioni.
Nel cuore della mostra ci imbattiamo in due sale dedicate al costume in cui sarà possibile ammirare una scelta di vestiti realizzati dalle più famose sartorie. Si potrà ammirare il prezioso lavoro degli artigiani nella sala dedicata alla scenografia dove sono esposti plastici e bozzetti, per poi passare alla sala dedicata alla post produzione, dove sarà proiettato un documentario che spiega i procedimenti e le tecniche di montaggio di un film.
La sala successiva è dedicata alla visione del film finito con una selezione di immagini delle pellicole più rappresentative girate negli Studios. Nella palazzina Fellini sono state allestite le sale dedicate al produttore, alla Storia di Cinecittà -dove dominano la scena i gloriosi anni 50-60, che segnano l'apice del mito di Cinecittà, senza trascurare il ricorso alle nuove tecnologie- e ai ritratti dei protagonisti, una galleria ideale in cui rivedere, proiettati, tutti i grandi personaggi che hanno contribuito a rendere famosi gli Studios nel mondo. In particolare nella sala del produttore sarà possibile assistere ai provini di alcune dive agli inizi della loro carriera.
La mostra culminerà con la visita sui grandi set all'aperto: l'imponente Foro della Roma Imperiale ricostruito per ambientare una famosa serie americana e la Broadway di Gangs of New York realizzata per il regista Martin Scorsese da Dante Ferretti, a cui è stato assegnato per ben due volte il Premio Oscar. La mostra appare come un percorso spettacolare e nello stesso tempo vuole essere un doveroso omaggio a tutte le persone che hanno reso grande Cinecittà, a tutti quelli che lavorano "dietro le quinte" e che con il loro talento contribuiscono a creare il cinema.